Perché il fusibile dell'alternatore dovrebbe bruciarsi: 7 motivi e soluzioni con suggerimenti

Recensito da Dottor Deepakkumar Jani

Il fusibile dell'alternatore si brucia a causa di una sovracorrente dovuta a un cortocircuito nell'alternatore/cablaggio, a una tensione di carica eccessiva o a un guasto nell'impianto elettrico che assorbe più corrente rispetto alla potenza nominale del fusibile. Punti dati chiave: corrente di cortocircuito, potenza del fusibile (ampere), uscita dell'alternatore (volt, amp).

Risoluzione dei problemi del fusibile dell'alternatore bruciato: guida rapida

Sfida/ProblemaPassaggi per la risoluzione dei problemiSoluzione
Fusibile dell'alternatore bruciatoVerificare la presenza di cortocircuiti nel cablaggio dell'alternatoreRiparare/sostituire il cablaggio o l'alternatore
Tensione di uscita dell'alternatore eccessivaTestare la tensione e la regolazione dell'alternatoreRegolare/sostituire il regolatore di tensione
Sovraccarico elettricoIspezionare il cablaggio per eventuali segni di usuraRimuovere il carico in eccesso, aggiornare la capacità del fusibile
Scoppi ricorrenti dei fusibiliEsaminare le condizioni dell'alternatore e della batteriaSostituire l'alternatore o la batteria difettosi
Danni al cablaggioIspezionare il cablaggio per eventuali segni di usuraRiparare o sostituire il cablaggio danneggiato
perché il fusibile dell'alternatore dovrebbe essere bruciato?

Principali cause di un fusibile dell'alternatore bruciato ripetutamente

Cerchiamo di capire quali sono le principali cause della rottura del fusibile dell'alternatore.

Cortocircuito elettrico nel cablaggio dell'alternatore


Il cablaggio sfilacciato o esposto dall'alternatore alla scatola dei fusibili può creare un corto percorso elettrico. Ciò conferisce alla corrente un percorso più semplice per fluire rispetto ai normali conduttori. Con una resistenza inferiore, troppa corrente scorre attraverso il fusibile e lo fa bruciare.

Ispezionare attentamente questo cablaggio per eventuali sfregamenti, usura o fili di rame esposti. Controllare anche i collegamenti alle due estremità per verificare che non vi siano terminali allentati, corrosi o bruciati. Il cablaggio difettoso è uno dei motivi più frequenti per cui i fusibili dell'alternatore si guastano.

Diodo difettoso nell'alternatore


All'interno dell'alternatore, i diodi rettificano la tensione CA prodotta nella tensione CC necessaria per la batteria e l'elettronica del veicolo. Quando questi diodi si guastano, perdi quella rettifica.

Picchi CA non rettificati che fluiscono attraverso il fusibile lo portano a bruciarsi. Fai testare il tuo alternatore al banco per vedere se i diodi difettosi potrebbero essere il colpevole. Ciò richiederebbe una sostituzione o una ricostruzione completa dell'alternatore.

Tensione della cinghia troppo alta


Volendo evitare che le cinghie allentate scivolino, è anche possibile stringere eccessivamente la cinghia dell'alternatore. Ciò sottopone a sollecitazione eccessiva i cuscinetti dell'alternatore. Questa tensione può effettivamente cortocircuitare gli avvolgimenti interni, causando picchi di tensione.

Utilizza un misuratore di tensione della cinghia per verificare se la tensione rientra nell'intervallo delle specifiche corrette per la tua marca/modello. Regola la tensione secondo necessità: spesso è un atto di bilanciamento complicato.

Problemi ai cuscinetti che consentono un cortocircuito interno


A volte un cuscinetto dell'alternatore usurato può anche consentire al rotore di sfregare internamente, cortocircuitando gli avvolgimenti. Anche in questo caso ciò porta a picchi di tensione attraverso il fusibile. Individua e risolvi tempestivamente i problemi dei cuscinetti per prevenire questo e altri problemi di ricarica.

Cattivo regolatore


Il regolatore di tensione controlla il flusso di corrente in uscita dall'alternatore. Se non funziona correttamente, potrebbero verificarsi sbalzi di tensione incontrollati attraverso quel fusibile. Ciò richiederebbe la sostituzione del regolatore o addirittura dell'intero alternatore in molti veicoli moderni.

Problemi della batteria che consentono il backfeed


Problemi come la solfatazione o un cortocircuito all'interno della batteria del veicolo possono anche far sì che la corrente rifluisca dalla batteria stessa attraverso il fusibile dell'alternatore. Un test di carico e una scansione diagnostica possono scoprire se la batteria è difettosa. Risolvere i problemi della batteria separatamente dalla diagnosi dei fusibili dell'alternatore.

Identificazione del motivo


Con molti colpevoli in grado di togliere quel fusibile, la risoluzione sistematica dei problemi è la chiave per restringere ciò che deve essere risolto nella tua situazione specifica. Ecco una tabella di marcia per la risoluzione dei problemi a livello di esperti per individuare il motivo per cui il fusibile continua a bruciarsi:

Sostituire il fusibile e testare la tensione in uscita


Inizia sostituendo il fusibile bruciato con uno nuovo identico a motore spento. Quindi avviare il motore e utilizzare un multimetro per misurare la tensione in uscita sulla linea di carica sul retro dell'alternatore. Se la tensione in uscita diminuisce improvvisamente e il fusibile si brucia nuovamente, continuare la diagnosi. Se rimane stabile, probabilmente hai un problema intermittente che fa bruciare il fusibile solo a volte.

Ispezionare il cablaggio


Quindi, spegnere il motore e ispezionare attentamente il cablaggio dal terminale di carica dell'alternatore fino alla scatola dei fusibili. Cerca eventuali segni di usura da sfregamento, isolamento bruciato, terminali corrosi o collegamenti allentati che potrebbero consentire un cortocircuito. Valutare anche il percorso: il cablaggio non deve toccare i componenti del motore. Riparare i problemi di cablaggio secondo necessità prima di continuare.

Controllare le condizioni e la tensione della cinghia di trasmissione


Anche i problemi con le cinghie di trasmissione che alimentano l'alternatore possono causare problemi. Controllare eventuali crepe, tagli, sfilacciamenti, nervature mancanti o vetrificazioni eccessive. Successivamente, utilizzare un misuratore di tensione della cinghia per misurare se la tensione rientra nelle specifiche. Regola come richiesto: spesso circa 100 libbre è l'ideale se non hai le specifiche. Questo protegge i pantaloncini dalla sovratensione. Sostituire la cinghia se usurata o danneggiata.

Controllare batteria e cavi


Batterie e cavi difettosi possono alimentare la tensione nella direzione sbagliata. Utilizzare un multimetro per misurare la tensione CC sui cavi della batteria mentre il motore è in funzione. Se il sistema di ricarica funziona correttamente, dovresti vedere pochissima tensione presente. Testare la batteria utilizzando uno strumento tester dedicato per i modelli esenti da manutenzione. Controllare che i capicorda non siano corrosi e che le estremità dei terminali non siano allentate o danneggiate dal calore. Risolvere i problemi relativi a batteria e cavi esterni alla diagnosi dell'alternatore.

Alternatore per prova al banco


In questa fase avanzata, è prudente rimuovere l'alternatore per effettuare una prova al banco da soli o presso un'elettrauto. Possono diagnosticare se diodi, avvolgimenti, problemi del regolatore o usura dei cuscinetti interni difettosi potrebbero consentire a cortocircuiti e picchi di tensione di bruciare il fusibile. Se vengono rilevati difetti internamente, procedere alla sostituzione o alla ricostruzione.

Prevenire i fallimenti ripetuti


Una volta scoperta con successo la causa principale e affrontata, il fusibile dovrebbe smettere di bruciarsi ogni volta che guidi. Per evitare che i problemi si ripetano:

  • Ispezionare annualmente il cablaggio sugli accessori del motore per individuare eventuali sfregamenti
  • Sostituisci proattivamente il cuscinetto dell'alternatore ogni 100 miglia
  • Controllare la tensione e le condizioni della cinghia a intervalli regolari
  • Provare la batteria ogni 1-2 anni